MENU
panormus web

Allievi Regionali – Juvenilia-Panormus – cronaca

22/09/2013 • Allievi Regionali, Cronache della domenica

 

1^ Giornata Campionato Allievi Regionali  girone A

Juvenilia-Panormus  2-2

Juvenilia: Agliano( dal 73^ Pecorilla),Adragna,D’Anna (dal 61^ Sineri),Battaglieri (dal 62^ Gerardi),Cirrone,Lamia,Fodale (dal 70^ Cassisa),Incaviglia (dal 47^Marino),Cortis (dal 55^ Gigante),Todaro (dal 67^ Rizzo),Caico. All. Gervasi

Panormus: Caronia,Tinaglia,La Cerva,Principato,Fanale,Taormina,Sciortino,Annatelli,Graziano,Arceri,Ventimiglia.In panchina:Randazzo,Porzio,Gravina,Siciliano,Scardillo,Messana,Tumminia. All. Sanfratello

Inizia con un pareggio interno l’avventura della Juvenilia nel campionato allievi regionali 2013-2014. Salutato il forte gruppo ’96 che negli ultimi due anni aveva ottenuto buonissimi risultati, la società trapanese sposa la linea verde schierando ben nove ragazzi sotto età e solo due  ’97. Nuovi i giocatori e nuovo anche il tecnico con la panchina affidata a mister Gervasi, proveniente dai giovanissimi regionali del Città di Trapani. Di fronte la temibilissima Panormus, società palermitana di prestigio reduce dalla vittoria del girone A dello scorso campionato e con ambizioni di alta classifica.

La gara inizia subito su ritmi alti con gli ospiti determinati a far valere la superiore prestanza fisica ed i locali pronti però a ribattere e ripartire. E dopo la prima occasione ospite al 3^ minuto sugli sviluppo di un angolo, sono proprio i trapanesi a passare in vantaggio con Todaro lesto a ribattere in porta la conclusione di Cortis che si era stampata sul palo. La rete esalta i ragazzi  di Mr.Gervasi  che, pur soffrendo tanto l’aggressività a centrocampo degli avversari, ribattono colpo su colpo lottando gagliardemente su ogni pallone e non disdegnando di affacciarsi con pericolosità nella trequarti avversaria.

La supremazia territoriale della Panormus si concretizza solo con una lunga serie di tiri da fuori, tutti largamente imprecisi, e allora i padroni di casa, a seguito di una veloce azione di contropiede, fanno nuovamente centro al 24^ minuto con Todaro abile a superare Caronia e a depositare in rete siglando così la doppietta personale. Prima dell’intervallo c’è spazio ancora per due conclusioni su calcio piazzato dei panormiti e per una iniziativa di Caico sulla sinistra con Fodale di pochissimo in ritardo all’appuntamento con la sfera. Si va così negli spogliatoi sul punteggio di 2-0 ma con la sensazione che l’esito della gara sia tutto ancora da scrivere.

E che Graziano e compagni non abbiano nessuna intenzione di mollare lo si capisce già dopo 40 secondi della ripresa con Sciortino che da buona posizione mette alto sulla traversa.

Come spesso  accade nel calcio la Panormus , pur autrice di diverse buone trame, riesce a realizzare nell’azione più improbabile con una conclusione al volo dai 30 metri su ribattuta della difesa avversaria che si va a spegnere sotto l’incrocio alla sinistra della porta difesa da Agliano. E’ appena il nono minuto della ripresa e  due minuti dopo arriva subito il 2-2 con Graziano lesto ad approfittare sotto porta di un cross proveniente dalla sinistra che Lamia ,pur sulla sfera, non riesce ad allontanare. Con i palermitani gasatissimi il tecnico di casa attinge a piene mani dalla panchina alla ricerca di nuove energie ma l’uscita dal campo di alcuni elementi oggi fondamentali come Todaro e Battaglieri complica le cose. Gli ultimi 30 minuti sono al calor bianco con gli uomini di Sanfratello che spingono a pieno organico prendendo chiaramente possesso della zona centrale del campo e gli l’undici  di casa che ogni tanto punge in contropiede prima con Gigante e successivamente con Fodale che da ottima posizione ormai esausto tira debolmente tra le braccia del portiere. Nel finale i due episodi che avrebbero potuto cambiare l’esito del match. Prima un probabile tocco di mano di Lamia che fa gridare i palermitani al rigore, e a due minuti dal termine la clamorosa chance è per Gigante che da buona posizione col portiere in uscita si fa respingere la conclusione di piede anziché tentare quello che sembrava un facile pallonetto. Finisce così in parità la sfida del Ricceri, punteggio probabilmente giusto considerando le occasioni create da entrambe le squadre, ma che lascia un pizzico di rimpianto in entrambe le formazioni visto l’andamento della gara.

Peppe Gervasi

redazione calciogiovanilesicilia

==============================================

Commenta!


« »

Entra nella community!