MENU
944559_514009528671677_1771995821_n_1

Allenare i piccoli calciatori, Diliso: «Trasmettere i valori tra creste e doppio passo»

19/09/2013 • Scuole Calcio

 

BARI - Crescere calciatori nell’epoca dei fenomeni mediatici.  È la missione che portano avanti ogni giorno centinaia di allenatori dei settori giovanili delle società calcistiche italiane. Insegnano non solo calcio, ma soprattutto i valori di sportività, lealtà, impegno e sacrificio. Tra coloro che quotidianamente si impegnano nell’educazione sportiva dei giovanissimi c’è Nicola Diliso (nella foto), 39enne ex giocatore professionista, originario di Bari (per la precisione di Palese), con un passato anche in serie A, tra il 1998 e il 2000 nelle fila di Vicenza e Cagliari.

Da 4 anni fa l’allenatore: fino a qualche mese fa seguiva i Giovanissimi provinciali del Bari, mentre ora si dedica unicamente ai piccoli calciatori dell’A.S.D. Palese, società in cui lui stesso tirò i primi calci e che insieme con sua moglie ha rilevato 2 anni fa. Lo incontriamo una mattina di inizio settembre nel centro sportivo Torricella, nel quartiere San Pio di Santo Spirito.

Mister Diliso, da ex giocatore di serie A, com’è allenare oggi degli aspiranti calciatori?

Oggi ci sono strutture attrezzatissime e ai ragazzi viene messo a disposizione tutto ciò di cui necessitano. Ma l’importante è fare capire che le cose più importanti sono la forma fisica e il divertimento. Il mio obiettivo non è quello di creare campioni, ma quello di vedere i ragazzi, a fine allenamento, stanchi e soddisfatti. Poi è chiaro che se c’è qualcuno più valido, gli offro la possibilità di andare a fare dei provini per qualche squadra importante.

Che differenza rileva rispetto ai suoi tempi?

Quando ho iniziato io, 25 anni fa, non c’erano le strutture che ci sono oggi. Io per esempio sono cresciuto su un campo di terra battuta, senza doccia e senza spogliatoio. A quei tempi si era più portati al sacrificio e di conseguenza la crescita umana avveniva molto più velocemente. Eravamo noi ragazzi che dovevamo adeguarci alle situazioni, mentre oggi le società vengono incontro alle necessità dei giovani giocatori. Attualmente ci sono più distrazioni e i genitori non fanno mancare nulla ai propri figli, per cui è più difficile educare un ragazzo.

In un’epoca in cui i grandi campioni sono soprattutto fenomeni mediatici, chi inizia a giocare a calcio lo fa desiderando di diventare calciatore o personaggio?

È vero che oggi i giovanissimi sono attratti dai personaggi. Lo dimostra il fatto che per esempio alcuni puntano a imparare a fare il doppio passo piuttosto che a diventare difensori forti. A volte copiano le mode, magari adesso si fanno i capelli con la cresta. Ma l’importante è che finiscano gli allenamenti sempre stanchi e soddisfatti.  Determinanti sono poi le famiglie, che nel caso della nostra società provengono da quartieri e comuni diversi e quindi hanno origini sociali diverse. Si vede qual è il bambino cresciuto per strada e quello cresciuto davanti alla play-station. Al primo devi inculcare la retta via, al secondo i valori del sacrificio e della sopportazione del dolore. Personalmente, comunque, ho a che fare con genitori che pensano davvero all’attività motoria e al divertimento dei propri figli.

Nel settore giovanile c’è concorrenza tra le società?

Sì, un po’ di concorrenza esiste. Alcune società prendono solo ragazzi selezionati. Ma l’importante è infondere prima di tutto dei valori. Molti dei miei ragazzi per esempio potrebbero avere la possibilità di raggiungere il calcio professionistico, ma la vera soddisfazione mi è data dal fatto che, da quando ho iniziato ad allenare, non ne ho perso neanche uno. Ero partito con circa 60 giocatori, ogni anno si sono sempre confermati quelli dell’anno precedente e se ne sono aggiunti altri. Adesso ne ho circa 200.

In Italia si parla sempre più di crisi dei settori giovanili. Che ne pensa?

Molte società preferiscono andare a prendere un giocatore già formato dall’estero, piuttosto che crescerlo in casa propria. Prevalentemente per una questione di costi. Del resto il calcio italiano ormai è sceso al terzo o quarto posto in Europa. Oggi dobbiamo guardare agli esempi provenienti dalla Spagna o dall’Inghilterra. Credo ci sia una relazione tra lo scarso impiego di ragazzi provenienti dai nostri settori giovanili e la crisi del calcio italiano.

Francesco Sblendorio

===========================================================

Commenta!


« »

Entra nella community!